Regolamento Calcio Balilla

Articolo 1  (Il Torneo)

Il Cral Dipendenti AMAT, di seguito denominata C.O. (Comitato Organizzatore), organizza il Torneo di Calcio Balilla riservato a principianti ed appassionati di tutte le età.

Il Torneo si svolgerà sui campi all’interno della sede del Cral Dipendenti Amat. I biliardini rispettano gli standard della FICB (federazione italiana calcio balilla) con palline regolamentari di colore bianco.

Il Torneo si svolgerà, in base al numero dei partecipanti, presso la sede del Cral Dipendenti Amat al raggiungimento di almeno 8 coppie.

Il Torneo è aperto ai Soci, regolarmente iscritti al Cral Dipendenti AMAT, ai loro familiari in possesso della nuova tessera Cral provvista di codice a barre, nonchè ai simpatizzanti nel numero massimo di un terzo degli iscritti.

Articolo 2 (Modalità di iscrizione e costi)

Tutti i Soci potranno iscriversi al Torneo dalle ore 09,00 del ___/___/______ alle ore 13,00 del ___/___/______ .

Le iscrizioni dovranno essere effettuate presso la sede del Cral, compilando e sottoscrivendo l’apposito modulo, ritirabile in sede o scaricabile cliccando sul seguente link. 

Si accettano coppie già precostituite. Nel caso di iscrizioni di un singolo componente, il C.O. provvederà, qualora possibile, alla formazione della coppia. Le coppie possono essere di qualsiasi sesso, anche miste. Possono partecipare anche simpatizzanti, a condizione che un componente della coppia sia un Socio Cral Dipendenti Amat. Contestualmente all’iscrizione, ogni Socio o familiare partecipante dovrà versare la somma di € 5,00 (euro cinque) a persona, il simpatizzante iscritto, invece, dovrà versare la somma di € 10,00 (euro dieci).

Potranno essere previste anche altre modalità di iscrizione.

Ogni partecipante/coppia all’iscrizione dovrà comunicare il proprio numero di cellulare, in modo da ricevere, a mezzo WhatsApp, tutte le informazioni del torneo, calendario, tabellone e vincitori.

Il Comitato Organizzatore si riserva, qualora lo ritenesse opportuno, di non accettare iscrizione di simpatizzanti e comunque verrà data la precedenza ai Soci e loro familiari per la formazione del tabellone.

Per nessun motivo è possibile recedere dall’iscrizione pena la perdita della quota versata.

Non verranno ammesse sostituzioni di nominativi.

E’ AMMESSA LA PARTECIPAZIONE ANCHE DI UN FAMILIARE DEL SOCIO SENZA LA PARTECIPAZIONE DEL SOCIO STESSO.

Articolo 3 (partecipazione Torneo)

Il C.O. compilerà un tabellone dei partecipanti che comprenderà tutti  iscritti al torneo con la data ed il turno di gioco.

La partecipazione alle gare di persone non comprese nel tabellone è assolutamente vietata.

E’ obbligatorio presentarsi, il giorno della gara, all’accettazione provvisti della nuova tessera Cral con codice a barre per il riconoscimento e l’assegnazione informatica dei turni di gioco, pena l’esclusione del torneo stesso. I simpatizzanti dovranno presentare un idoneo documento di riconoscimento in corso di validità.

L’accettazione verrà effettuata alle ore 8,30, presso la sede Cral, dal C.O. o da un suo delegato.

Per il Torneo farà fede il regolamento e le disposizioni della Federazione interessata.

Articolo 4 (Sezioni digioco)

Punteggio e passaggio del turno.
Ogni incontro avverrà al meglio dei tre set. Vince il set la coppia che realizza per prima 7 goal, con uno scarto di almeno 2 goal sull’avversaria. La coppia che segna per prima 10 goal vince in ogni caso il set, anche se non ha 2 goal di scarto sull’avversaria (es. sul punteggio di 9-9 chi segna per primo vince). La coppia che vince l’incontro passa il turno, la coppia sconfitta viene eliminata.

Messa in gioco della pallina.
La palla viene immessa in gioco tirandola manualmente contro la sponda opposta nello spazio che divide le due linee di centrocampo. Si sorteggia quale squadra immette per prima in gioco la palla. Successivamente, la squadra che ha subito l’ultimo goal immette in gioco la palla.

Comportamento e Disciplinare.
A gioco iniziato sono considerate azioni di disturbo: parole, grida, esclamazioni e qualsiasi movimento atto a distrarre l’azione avversaria. Tali infrazioni di disturbo sono considerati falli e pertanto la pallina verrà rimessa in gioco come spiegato nel paragrafo 2 da chi ha subito il fallo. L’arbitro e/o il giudice di gara può squalificare da una partita o intera competizione uno o più giocatori in seguito a comportamenti antisportivi e/o provocatori ai fini del regolare svolgimento del gioco.
L’arbitro e/o il giudice di gara ha facoltà di richiamare i giocatori verbalmente o con l’ausilio di cartellini (giallo per l’ammonizione – rosso per l’espulsione diretta o in seguito alla seconda ammonizione).
Ogni ammonizione per giocatore prevede la sanzione di detrarre 1 goal dal totale segnati fino a quel momento dell’incontro. Ogni espulsione diretta per giocatore prevede la sanzione di detrarre 2 goal dal totale segnati fino a quel momento dell’incontro con il rispettivo abbandono del campo di gioco. La somma di 2 ammonizioni in un incontro prevede la conseguente espulsione.
L’espulsione prevede l’abbandono dal campo di un incontro; eventuali turni di squalifica per il proseguire della gara sono a discrezione del giudice di gara.

Esecuzioni non consentite.
Non sono consentiti:

  • il gancio o il passaggio della palla tra un omino e l’altro anche se si effettua il tiro con l’altra stecca;
  • trascinare la palla con l’omino prima del tiro o del passaggio;
  • “frullare” – far girare la stecca più di 360°;
  • far “rullare” o lasciare in movimento la stecca anche involontariamente, tirando o marcando;
  • far carambolare la palla in tiro unico su due omini della stessa stecca sia in attacco che in difesa (gancio involontario).

Nel caso in cui dopo un’ infrazione la pallina entrasse in rete, il goal verrà annullato e la palla verrà rimessa in gioco come descritto al punto 2 da chi ha subito l’infrazione.

Esecuzioni consentite.

  • Lo stop e tiro in fase di intercettazione (lato e fronte omino) in difesa e in attacco, sia con lo stesso che con omini differenti della stessa stecca.
  • Il gancio involontario in un unico tiro con qualsiasi stecca.
  • Il caso in cui la pallina salta una o più stecche esclusa quella del portiere.
  • Il passaggio tra portiere e terzino o viceversa.
  • Tutte le intercettazioni anche involontarie toccando la pallina con il retro dell’omino e calciando con un’altra stecca.
  • Il passaggio tra mediana e attaccante o viceversa.
  • La pizzicata (pinzare la pallina tra omino e fondo del tavolo in modo che la stessa abbia una traiettoria imprevedibile) solo se la pallina non si ferma completamente tra omino e fondo del tavolo.
  • Il tiro di qualsiasi giocatore, volontario o involontario, col retro dell’omino.
  • Il cambio di mano in fase di battuta.
  • L’autorete derivante da tiro proprio, anche quando la palla salta la stecca.
  • Intercettare la pallina con il retro del Portiere e ricalciarla con lo stesso.

Articolo 5 (Qualificazioni)

Tutti i giocatori dovranno presentarsi in pista in tenuta decorosa.

Il Torneo si articola in una fase di qualificazione secondo lo sche esemplificato di cui al tabellone sotto riportato.

Articolo 6 (Turni di gioco)

I turni di gioco, con date e orari verranno indicati dal C.O. dopo la composizione del tabelloni degli incontri redatto in base al numero di squadre partecipanti:

I campi di gioco verranno assegnati dal C.O..

Il giocatore/coppia che non sarà presente all’orario di inizio del turno di gioco assegnato verrà automaticamente squalificato dalla gara.

Articolo 7 (Premiazione)

La premiazione dei partecipanti verrà effettuata, di norma, al termine del Torneo.

Articolo 8 (Premi)

  • Prima coppia classificata
    I premi verranno comunicati successivamente
  • Seconda coppia classificata
    I premi verranno comunicati successivamente
  • Terza coppia classificata
    I premi verranno comunicati successivamente

A tutti i partecipanti verrà consegnato un ricordo della partecipazione al torneo.

Articolo 9 (Modifiche al programma)

Il C.O. si riserva eventuali modifiche al regolamento o al programma di svolgimento gare. Tali modifiche verranno comunicate ai partecipanti a mezzo sito ufficiale o email nei tempi tecnici necessari.

Articolo 10 (Reclami)

Non saranno ammessi reclami. Le valutazioni del C.O. e dei giudici di gara sono insindacabili.

Articolo 11 (Responsabilità)

Il C.O. declina ogni responsabilità per quanto potesse accadere agli atleti, a terzi e a cose,prima, durante e dopo la gara.

Articolo 12 (Comunicazioni ufficiali del C.O.)

Le comunicazioniufficiali ai partecipanti saranno date a mezzo WhatsApp al numero comunicato all’atto dell’iscrizione . La classifica finale, verrà pubblicata sul sito www.cral-amat.it